Rubrica di cosmesi naturale, ecobio e recensioni prodotti

lunedì 2 settembre 2013

RECUPERARE MOZZICONI DI CANDELE USATE



Adoro le candele, l'atmosfera che creano, il profumo che alcune emanano; mi piace accenderle la sera sulla scrivania quando sono davanti al computer, mi rilassano. Le uso sempre durante le cene con amici e parenti per rendere la tavola più elegante e l'atmosfera più confortevole.
Dunque ho pensato: perché non recuperare i pezzetti di candele avanzati creandone di nuove? E così è cominciato il mio primo esperimento: una candela in un barattolo di vetro (guarda il post sul riciclo dei vasetti di vetro), adatta anche per allontanare le zanzare nelle serate estive, grazie all'uso di oli essenziali.

Occorrente:
1 vasetto di vetro
1 molletta per stendere il bucato
Diversi mozziconi di candele 
Oli essenziali (facoltativo)
Filo di cotone un po' spesso per utilizzarlo come stoppino (oppure potete riutilizzare lo stoppino presente in una candela da riutilizzare)

Vediamo come procedere:
Come primo passaggio dobbiamo far sciogliere a bagnomaria i pezzetti di candele


Si deve avere un po' di pazienza per far sciogliere bene tutta la cera!


Nel frattempo si può prendere lo stoppino, immergerlo nella cera sciolta e aspettare che si raffreddi. Poi lo si può inserire nel nostro vasetto di vetro, tenendolo fermo attraverso l'utilizzo di una molletta.

Attenzione che lo stoppino sia ben posizionato nel barattolo


Una volta che la cera sarà sciolta, si può versare qualche goccia di oli essenziali; io ho scelto il Tea Tree e la Lavanda in modo da creare una candela anti-zanzare. Mescolare bene e versare il tutto nel vasetto preparato in precedenza.
Potete utilizzare un solo olio essenziale oppure più di uno



 Aspettate che si raffreddi per bene...e poi non vi resta che accenderla!!
Buon relax!

7 commenti:

  1. bella bella in questo periodo sono fissata con le candele anche io

    RispondiElimina
  2. Ciao Milena, sì, sono proprio belle le candele, creano atmosfera! La prossima voglio provarla a fare con la cera d'api o cera di soia, così è più naturale. Se viene bene inserirò la ricetta in un post. Poi potrebbe essere anche un'idea per un regalo ;)

    RispondiElimina
  3. Ciao! adoro le candele e l'atmosfera che creano, adesso so cosa farne dei rimasugli felice di non doverli buttare, ti ho trovato grazie al Link party "prendiamoci per mano" e ti aggiungo molto volentieri alle persone che seguo.Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Laura, grazie mi fa piacere che ti sia piaciuta l'idea! ;)

      Elimina
  4. Ecco la risposta alla mia domanda, solo che adesso ne ho un'altra sul bagnomaria: l'acqua deve bollire mentre c'è dentro il vasetto di avanzi? e il vasetto di vetro non scoppia a bagno nell'acqua bollente?
    Ok, le nuove domande sono due ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elle, il contenitore con gli avanzi di candele va messo a bagnomaria a fuoco basso, il minino praticamente. Sobbollirà un po' ma l'importante è mantenere il fuoco al minimo in questo modo si evita la rottura del vasetto.

      Elimina
  5. Il fuoco minimo.. una cosa a cui non avrei mai pensato ;)
    Grazie Lucy!

    RispondiElimina

Ti potrebbe anche interessare:



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...